lunedì, giugno 07, 2010

S.O.S. AltroQuando


AltroQuando è in difficoltà economica e chiede aiuto.
Lo facciamo con un pizzico di vergogna. Ma la situazione è critica, e chiediamo aiuto.

AltroQuando è nato a Palermo nel 1991, in un momento storico in cui le fumetterie italiane non esistevano se non come botteghe dell'usato. AltroQuando, per primo, ha introdotto nel capoluogo siciliano l'idea di libreria specializzata nel settore, portando il fumetto europeo, giapponese, americano, dai chioschi delle edicole alla ribalta della vetrina. Qualcosa che all'epoca sembrava stravagante, ma che rappresentava in realtà l'inizio dello sdoganamento culturale del media fumetto. Da prodotto commerciale di nicchia e lettura per la sola infanzia a intrattenimento sofisticato e veicolo culturale.

AltroQuando è stato un punto d'incontro per molti giovani artisti cresciuti insieme alla libreria, alcuni dei quali avrebbero in seguito intrapreso un cammino professionale. La produzione, curata dalla fumetteria, di fanzine (Burp, Il Cassonetto) come di mostre personali e collettive (Sguardi e Visioni) ha contribuito a sviluppare l'humus culturale dal quale sarebbero sorti autori oggi emergenti (Sergio Algozzino, Claudio Stassi, Giuseppe Lo Bocchiaro e tanti altri) e a gettare le basi per la Scuola del Fumetto di Palermo. Tutte realtà che avrebbero faticato a consolidarsi in un panorama cittadino dove il fumetto era ancora un oggetto di culto per pochi.

AltroQuando ha scelto di non fermarsi al mero commercio e alla presentazione dei titoli di maggiore richiamo, ma di guardare oltre e ungere gli ingranaggi. Per questo, in vent'anni di attività, ha coraggiosamente promosso numerose etichette editoriali indipendenti che nelle fumetterie delle maggiori città italiane non trovavano visibilità. Il grande successo della serie Rat-Man, di Leo Ortolani, anch'esso nato come autoproduzione prima del grande balzo professionale, è contato tra i titoli tenuti a battesimo e caldeggiati dalla nostra libreria. E dell'attuale, meritata, popolarità raggiunta da autore e personaggio ci sentiamo particolarmente onorati.

Ma AltroQuando non è stato solo questo, e si è aperto all'espressione artistica a 360 gradi, con le oltre ottanta mostre allestite. Eventi culturali in cui trovavano spazio e ascolto nuove leve della fotografia, della pittura, della grafica sperimentale, della scultura e delle più disparate forme di sperimentazione artistica. AltroQuando ha voluto rompere i confini delle convenzioni e non arenarsi nel semplice ruolo di attività commerciale. Per questo, negli anni, è sempre stato vicino a tutte quelle voci che proponevano un cambiamento. Ne sono esempio le collaborazioni con la rivista Cyberzone e il movimento antiprobizionista. Il sostegno ai centri sociali (ZetaLAB, Ex Carcere) e alla cultura LGBT, con l'apertura di un apposito spazio della libreria e la produzione in proprio della fanzine WOOF!, fino alla recente adesione al primo Gay Pride regionale che avrà luogo nella città di Palermo.

In circa vent'anni di attività, AltroQuando ha fornito alla sua clientela un servizio mai visto altrove nella nostra città, garantendo gratuitamente abbonamenti a fumetti e riviste, spesso con fatica e, con l'avanzare della crisi economica, qualche volta a denti stretti. Ma sempre con una disponibilità e urbanità che ci sentiamo di definire uniche nel nostro ambito lavorativo, spesso così frettoloso e poco attento alle sensibilità degli individui.

La crisi globale, tuttavia, non guarda in faccia nessuno e anche Altroquando oggi si trova in ginocchio. Le mille difficoltà hanno portato a un'inevitabile ritardo di un mese nei pagamenti, e il distributore Alastor, dove ci forniamo, ha bloccato le spedizione delle novità alla nostra fumetteria, decretando, di fatto, la sentenza di morte per la ventennale esperienza di AltroQuando. Un destino che potrebbe essere scongiurato solo dal saldo della fattura entro il 15 Giugno 2010.Chiediamo dunque l'aiuto di tutti voi, affinché AltroQuando possa continuare a esistere. Personalmente, pensiamo che la chiusura di una realtà come AltroQuando lascerebbe un vuoto significativo nella città di Palermo. Un vuoto per chi ama il fumetto nelle sue molte forme, per chi è interessato a conoscere e seguire voci e idee culturali fuori del coro. Sta a voi decidere se ci sbagliamo o no.
 ---
AltroQuando sarà grato a tutti per l'aiuto. Per i non residenti a Palermo è possibile acquistare effettuando un bonifico bancario. Gli estremi sono i seguenti:

IT 77 M 07601 04600 000030981914 
oppure  un versamento sul c/c postale 30981914 intestato Rizzuto Adelfio Salvatore (titolare Libreria AltroQuando).
Email per info: info@altroquando.org

Grazie a tutti.

[Il segnalibro di AltroQuando è stato realizzato da Riccardo Rizzo]
[Le illustrazioni sono di Giuseppe Lo Bocchiaro]




2 commenti:

Saxarts ha detto...

la notizia mi rende tristissimo, ricordo quando giovanissimo sentivo parlare di voi e vi immaginavo come dei santi scesi in un arida terra assetata di nona arte :(. cosa posso fare per aiutarvi? ho sentito che si parla di un asta di tavole , non sarebbe male come idea , ragion per cui non aspetto che un vostro cenno :D .

P.S. certo che la scadenza del 15 giugno è davvero alle porte...insieme possiamo farcela!

Perdido ha detto...

Sulla pagina Facebook di AltroQuando [http://www.facebook.com/pages/AltroQuando/109922758526#!/pages/AltroQuando/109922758526], in calce a questo appello, è in atto una discussione organizzativa nei commenti. L'asta si terrà probabilmente al Left in via degli Schioppettieri 8. Ma anche solo acquistare giornali e riviste nella nostra libreria, sarebbe un piccolo, prezioso contributo. Grazie per tutto quello che puoi fare. Anche facendo girare la notizia. Un abbraccio.